PERIFERIE PEF SITO

PERIFERIA DELLE MERAVIGLIE

Un successo quello dell'escursione patrocinata dalla Lagap, che ha inoltre offerto la copertura assicurativa della manifestazione. Il patrocinio, e l'appoggio economico, sono stati volentieri concessi a questo progetto, di rigenerazione urbana attraverso il camminare e l’arte di strada partendo dalle periferie. Il progetto si è avvalso, per la conduzione, di Guide Ambientali Escursionistiche e non di "associazioni", che potrebbero di fatto operare solo con i propri soci, e questo ha reso possibile la realizzazione di una escursione - aperta al pubblico e gratuita - in piena legittimità e sicurezza. Al di là di questo abbiamo appoggiato il progetto per la sua forte valenza educativa: “periferia delle meraviglie” invita a scoprire un mondo proprio dietro i nostri palazzi, invita a comprendere e praticare un “esotismo di prossimità”,immaginando anche delle escursioni a km/0, in cui non occorra prendere un aereo per trovarsi proiettati in un mondo “altro”.
“E’ stato un cammino nella periferia di una città, uno spettacolo itinerante fatto di street art, musica, poesia e cultura, alla scoperta non solo dei luoghi, ma di chi li abita. Anche in questa seconda edizione, che si è svolta il 17 novembre scorso. Il cammino della “Periferia delle meraviglie” dal Trullo a Corviale ha portato oltre 100 persone a vivere una esperienza culturale innovativa che continuerà a proporre i cammini nelle periferie di Roma per stimolare la rigenerazione urbana partendo dall’arte”. Così Ilaria Canali, ideatrice del progetto delle “Periferia delle Meraviglie” definisce l'iniziativa, patrocinata dal Comune di Roma, dalla LAGAP e che rientra nel quadro della manifestazione internazionale “All Routes Lead to Rome”. L’iniziativa sta proseguendo in questi giorni al Mitreo Arte Contemporanea che ha collaborato al progetto. Al Mitreo è allestita la mostra fotografica “Periferia delle Meraviglie” e ospiterà varie iniziative culturali tra cui proiezioni cinematografiche, concerti e animazioni artistiche che continueranno a promuovere il territorio tra il Trullo e Corviale e a far vivere la meraviglia. Nel percorso non sono mancate le pause dedicate alla natura, alle aree verdi e alle importanti questioni ecologiche ambientali. Francesco Mazzenga, che ha guidato il gruppo e nella vita, oltre a GAE, è un Ecologo Forestale e ricercatore presso il CNR dice che "Un cammino urbano è una grande possibilità per poter affrontare temi importanti come l'incremento dell'effetto serra che si origina proprio dall'attività antropica, i cambiamenti climatici che portano ad eventi meteorologici estremi, che uniti ad interventi errati sulle alberature urbane causano schianti sempre più diffusi. Un cammino urbano inserito tra tasselli di aree verdi residuali è un cammino di biodiversità, le stesse persone che vi passano percorrono quei corridoi ecologici che collegano vari frammenti di aree naturali relitte. Come Monte Cucco (40.7311 ha), Parco pino Lecce (7.5014 ha), Parco di via Fulda (5.0684 ha)"

Fotografia di Francesco Mazzenga

 

immagine

Nasce dall'idea di alcuni soci operanti nel tratto dell'Appennino settentrionale compreso tra Liguria di Levante e Montefeltro Romagnolo, delimitato, a grandi linee, dalle direttrici Genova-Monte Antola e spartiacque Conca - Foglia. Al presidio aderiscono soci LAGAP che abbiano, in parti più o meno ampie del territorio interessato, preminenti interessi operativi, culturali, di esperienza. Come da statuto LAGAP, la residenza non è fattore discriminante alla partecipazione.

Il vasto territorio del presidio ha aspetti ambientali, caratteristiche culturali e opportunità escursionistiche contraddistinti da ampia diversità, che tuttavia formano una serie di transizioni, locali e generali, in grado di determinare un quadro sostanzialmente unitario.

La costituzione di un presidio unitario in questo territorio è stata fondata anche sulle seguenti motivazioni:

- migliori opportunità di interloquire con soggetti istituzionali e non

- migliore visibilità di eventuali iniziative locali collocate nell'ambito di un presidio più ampio

- maggiore facilità di rapportarsi con altri presidi per la programmazione e organizzazione di attività comuni.

Il rappresentante del presidio LAGAP Nord Appennino è Filippo D'Antuono.

COMUNCATO CONGIUNTO

COMUNICATO CONGIUNTO LAGAP - CONAGAI LIGURIA SULL'ENNESIMO AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DA PARTE DI UNA SCUOLA STATALE. 
Apprendiamo con stupore che una Scuola Statale, l’I.T.C.T Fossati di La Spezia, avrebbe siglato un protocollo scuola – lavoro (concentratevi un attimo sul termine “lavoro”) con un'associazione sportiva, la “Mangia Trekking”; le qualifiche del formatore, sempre che gli organi di stampa abbiano riportato correttamente la notizia, sono quelle di “hiker – mountaineer e collaudatore di accessori ed attrezzature da montagna”. Anche giornalista, sembra di capire. Il progetto si incentrerebbe sulla trasmissione dei valori dell'alpinismo lento - qualsiasi cosa si voglia intendere con questo termine. 
Trattandosi, appunto, di un programma di alternanza scuola-lavoro di una Scuola pubblica, inserita in un contesto regionale in cui le professioni di Guida Alpina e Guida Ambientale Escursionistica sono regolamentate dalle leggi, l'ennesimo ricorso all'opera di associazioni sportive, e non ai professionisti, ci lascia ancora più perplessi del solito. 
Come spesso i docenti ignorano, le scolaresche accompagnate in natura da “esperti”, sotto il profilo della responsabilità legale, sono di fatto accompagnate dal docente stesso. 
Inoltre, parlando di alternanza scuola – lavoro, e, dunque di trasmissione di valori professionali, forse sarebbe stato il caso di rivolgersi a chi, quel lavoro, lo fa tutti i giorni. Se nel settore navale si chiamasse come docente a scuola il presidente di un'associazione ricreativa di modellisti, anziché un cantierista, pensiamo sarebbero in molti a storcere il naso. Invece, nel nostro mondo, l'iniziativa dell'associazione sportiva ha riscosso perfino l'interesse e il supporto di numerosi Enti Parco e di un Istituto Universitario. Potenza della comunicazione. 
Nell'era dei social è certamente più importante apparire che essere. 
Tuttavia, i professionisti che rappresentiamo, ognuno con le sue specificità, sono portatori del mondo di competenze di chi accompagna quotidianamente clienti in ambiente naturale, di chi con il turismo in natura manda a scuola i figli, paga l'affitto di casa, e, da ultimo ma non per ultimo, con i proventi del suo lavoro paga anche le tasse.

Marco Fazion, presidente nazionale della Lagap 
Lorenzo Cavanna, presidente del Collegio Regionale delle Guide Alpine della Liguria 

unnamedNei giorni 24 e 25 Novembre 2018 a Perugia presso UMBRO' le Guide Ambientali Escursionistiche associate alla Lagap si incontrano per una due giorni all'insegna della formazione e l'aggiornamento e per l'assemblea ordinaria dei soci prevista dallo statuto.

IL PROGRAMMA DELLE DUE GIORNATE

La giornata di sabato è incentrata sulla formazione in aula (dove nel meeting di Primavera valorizziamo la formazione outdoor) con due eventi:

Sabato 24 novembre 2018 - CORSI DI AGGIORNAMENTO

(programma esteso dei corsi a fondo pagina e in area riservata del sito)

9:30-13:00

STRADE ANTICHE: CARATTERISTICHE E METODI D’INDAGINE

Formatore, Alessio Renzetti

Il corso, ai sensi del nostro regolamento, dà adito a 5 crediti formativi.

13:15 pranzo di lavoro

15:00 – 18.30

OPENSTREETMAP E DINTORNI

Formatore Ferdinando Ramondo

Il corso, ai sensi del nostro regolamento, dà adito a 6 crediti formativi.

I corsi si attivano con un minimo di 5 partecipanti.

Sia per partecipare ai corsi che per pranzare nella sede di Umbrò è necessario contattare la segreteria nazionale seguendo le istruzioni arrivate tramite newsletter nazionale.

Domenica 25 novembre 2018 - ASSEMBLEA NAZIONALE DEI SOCI LAGAP

(convocazione in area riservata del sito)

ore 9:00 – 14:00

Sia per partecipare all'assemblea che per partecipare al pranzo conviviale, è necessario contattare la segreteria nazionale seguendo le istruzioni arrivate tramite newsletter nazionale.

44761506 10215700975511591 6675271216921575424 oCORSO AVANZATO DI CARTOGRAFIA ED ORIENTAMENTO STRUMENTALE con BUSSOLA E GPS
con didattica Lagap

A breve ci incontriamo per spiegare contenuti ed aspetti del corso, rispondere alle vostre domande e concordare con gli interessati orari e cadenza delle lezioni. Dato che il corso è a numero chiuso, ti chiediamo per ora, di inviarci una manifestazione preliminare di interesse che ci aiuti nell'organizzazione (v. oltre).

COSA IMPARERAI
Gli obiettivi del corso sono raggiungibili da coloro i quali abbiano preventivamente superato l'esame del corso di base, oppure che posseggano già una certa capacità di orientarsi con una carta – appresa sul campo o con altri corsi. Il corso si propone un obiettivo ambizioso: le 44 ore, 8 lezioni teoriche e 5 lezioni pratiche, anche in notturna, ti consentiranno di realizzare in autonomia escursioni anche in zone prive di sentieri senza perderti. Al termine del corso saprai infatti come documentarti sulle cartografie esistenti in una certa zona, saprai orientarti completamente con carta e bussola, ricavando anche il tuo punto di stazione e avrai ricevuto un primo approccio teorico-pratico anche all'uso del GPS o, se non lo possiedi, degli applicativi più affidabili per il tuo smart phone. 

I DOCENTI
Silvio Piorigo e Marco Fazion
Guide Ambientali Escursionistiche e cartografi.
Silvio Piorigo - 348 5216981 - silvio@montemeru.it
Marco Fazion – 3473782818 – marcofazion62@gmail.com

Il corso è valido come aggiornamento professionale per le guide associate alla Lagap.
Il corso di aggiornamento fa parte della fasci AAA del piano di formazione nazionale Lagap e vale 60 crediti formativi.


MANIFESTAZIONE DI INTERESSE
La manifestazione di interesse non costituisce iscrizione al corso: significa che siete sufficientemente interessati da partecipare alla serata di presentazione. 
Non ci crederete ma “like” e “mi interessa” su Facebook NON costituiscono una manifestazione di interesse, che va resa per sms, mail, WhatsApp a uno dei formatori entro il 5 novembre e costituisce titolo di precedenza qualora il gruppo di interessati fosse più numeroso di quanto consentito dal Centro Studi Formazione Lagap.

DOVE
Lezioni presso Umbrò (Scalette di Sant’Ercolano, Perugia), Collestrada, altre location nei Parchi. Escursioni nei Parchi Regionali Umbri.

COSTO DEL CORSO
€ 200,00 (cui va aggiunto il costo di un libro di testo, che può essere anche condiviso tra gli allievi “Orienteering di Maddalena Enrico”)

trasGiorno 24 Ottobre 2018 alle ore 18:30 diverse Guide Ambientali Escursionistiche associate alla LAGAP, residenti in Umbria, si ritrovano presso la caratteristica location di Umbrò nel centro di Perugia per costituire il presidio Lagap "TRASIMENO". Il territorio oggetto del nuovo presidio è di rilevanza internazionale ed è fiore all’occhiello del turismo nella regione Umbria. La finalità principale del nuovo presidio sarà promuovere la mission della LAGAP e la segnalazione, la promozione e la valorizzazione di tematiche ed eventi inerenti il comparto turistico-ambientale e le emergenze locali. Il sodalizio di guide professioniste si propone inoltre di lavorare in sinergia con enti pubblici, comuni e anche realtà private presenti sul territorio lacustre, diffondendo le conoscenze tecniche e culturali proprie delle GAE. L’augurio che ci prefiggiamo è quello di promuovere e valorizzare oltremodo un territorio dal fascino indiscusso, attraverso iniziative mirate che portino ad avvicinare quante più persone alla natura e all’escursionismo in modo corretto e responsabile.
Il rappresentante del presidio Lagap “TRASIMENO” è Ferdinando Ramondo.

Avanguardie III corso escursionismo 2018 Salento PugliaAutunno 2018: è in programma per il mese di ottobre e novembre il III corso di escursionismo omologato LAGAP (Libera Associazione Guide Ambientali-escursionistiche Professioniste) in Puglia. 
Il corso si svolgerà presso l'Acquario del Salento, a Santa Maria al Bagno (Nardò) e a Portoselvaggio. 
Se sei interessato, contattaci per maggiori informazioni e per prenotare il tuo posto. 

Cel: 349.3788738 - Cel: 347.9527701
WhatsApp: 346.0974529

E_MAIL: INFO(AT)AVANGUARDIE.NET

IMG 20180925 WA0010Il corso base si propone di fornire i principi elementari di botanica riguardo la morfologia e la struttura delle specie vegetali, strumenti indispensabili per comprendere i metodi di riconoscimento della flora vascolare spontanea italiana. Verrà approfondito soprattutto lo studio delle specie commestibili e di quelle tossiche che potrebbero essere oggetto di spiacevoli confusioni. Il corso si rivolge sia ad appassionati del settore che a guide escursionistiche professioniste ed è strutturato in una lezione teorica e in un'escursione nel Parco Nazionale del Vesuvio durante la quale avremo modo di mettere in pratica le informazioni apprese in aula. 

Modulo Base: principi di botanica e tecniche di identificazione della flora spontanea
Domenica 11 NOVEMBRE - PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO - NAPOLI
Programma:
8.30 Accoglienza
9.00 Principi di botanica generale: la morfologia delle piante.
- La struttura del fiore, della foglia, del fusto e dei frutti nelle Angiosperme, Gimnosperme e Felci;
10.15 Coffee break
10.30 Introduzione alla Fitoalimurgia:
- Le proprietà organolettiche e nutrizionali delle piante spontanee;
- I vantaggi di consumare cibo selvatico;
- Regole e metodologie della raccolta delle erbe selvatiche;
- Il concetto di commestibile, tossico e velenoso.
12.30 Pranzo
13.30 Passeggiata di osservazione e studio della flora spontanea locale: durante l'escursione ci soffermeremo in particolar modo sulle specie commestibili mangerecce, impareremo a riconoscerle correttamente, usando tutti e cinque i sensi, evitando di confonderle con specie simili tossiche pericolose per la salute. Metteremo in pratica i concetti teorici appresi in aula utilizzando metodi e tecniche di identificazione semplici, efficienti e sicure. Impareremo inoltre come, cosa, quando e dove raccogliere le piante selvatiche e come trasformarle in cucina.
16.30 Fine escursione
Presentazione a cura di: Marco Cuomo
Relatore: Roberto Vetromile
Quota di partecipazione: 45 € a persona

Per contatti e iscrizioni : Roberto Vetromile 3335712359 - email : robertovetromile@gmail.com

image1438Il corso è aperto a tutti e ha una durata di 34 ore di formazione con lezioni in aula e uscite pratiche in ambiente naturale. 
Fornisce all'escursionista tutte le competenze di base per poter programmare e svolgere in sicurezza e autonomia escursioni e trekking in ambiente naturale. Le lezioni teoriche saranno in orario serale, le uscite pratiche si effettueranno nei week end nella zona dell’Appennino umbro-marchigiano. 
A fine corso vi sarà un esame con commissario esterno per verificare le nozioni acquisite e conseguire il diploma-certificazione di primo livello valevole per la prosecuzione della didattica di formazione nazionale LAGAP (modulo cammini, modulo cartografia e orientamento strumentale, modulo trekking …) Il corso è diretto da una Guida Ambientale Escursionistica regolarmente abilitata alla professione e formatore abilitato Lagap.
Informazioni e contatti
Guida Ambientale Escursionistica
Ferdinando Ramondo
nandoramondo@gmail.com
3473802060 (anche Watsapp)

INIZIO CORSO: Giovedì 11 OTTOBRE 2018 - Presso Palesta LEGEND TEAM a Bosco-Pieve Pagliaccia (PG)

COSTO DEL CORSO COMPRENSIVO DEL TESTO DI STUDIO, IVA, TASSE E CONTRIBUTO DI ESAME € 140,00 a persona

Corso base di escursionismo con didattica nazionale LAGAP (Guide Ambientali Escursionistiche Professioniste). Il corso è aperto a tutti, ma ha un numero massimo di 15 persone..

Il corso ha una durata complessiva di 34 ore con esame finale e conseguente diploma-certificazione di primo livello, valevole per la prosecuzione della didattica di formazione nazionale LAGAP. 

Il corso è davvero molto interessante sia per chi già pratica trekking, sia per chi si vuole avvicinare a questo mondo. 
Le lezioni in aula saranno divise in 3 grosse branche:
1 attrezzatura, abbigliamento ed alimentazione
2 cartografia
3 chiamata soccorsi e pericoli in montagna

Le uscite in ambienti naturali invece saranno prima di approccio alla montagna per poi finire con una vera e propria simulazione di escursione effettuata direttamente dai corsisti. L'esame finale sarà fatto con la supervisione di un commissario esterno e saranno dei quiz a risposta multipla ed un esame orale.

Il corso avrà inizio ad ottobre 2018

Per maggiori info chiama Marco Cuomo al 331.5484558 oppure manda una mail a info@backpackeradventure.it

luttosmall

Il Raganello è in ogni stagione soggetto a piene quando a monte le precipitazioni sono abbondanti; tuttavia, se - in questa particolare circostanza - la tragedia fosse o meno prevedibile ed evitabile, non saranno i giornalisti o i leoni della tastiera a deciderlo, ma un Tribunale.

Quella del Raganello è una delle più grandi tragedie mai avvenute in Italia nel settore escursionistico e ogni forma di sciacallaggio mediatico è decisamente fuori luogo.

Nell'esprimere la nostra solidarietà e il nostro cordoglio alle famiglie delle vittime e dell'accompagnatore, dobbiamo tuttavia sottolineare che i turisti travolti non erano accompagnati, come scrivono con molta superficialità gli organi di stampa, da una Guida, ma da un accompagnatore volontario di un'associazione.

Contro l'utilizzo di associazioni come soggetto economico nel settore del turismo ci siamo più volte e fermamente pronunciati.

Vogliamo ricordare a tutti che, in quasi 30 anni di esistenza della professione, non sono stati ancora ascritti a una Guida Ambientale Escursionistica incidenti mortali. Affermare che affidare la propria escursione ad una Guida Ambientale Escursionistica metta al riparo da ogni disavventura sarebbe pubblicistica di pessimo gusto, specie ora: muovendosi in ambiente naturale le tragedie possono sempre e comunque accadere e gli accompagnati devono esserne consapevoli.

Tuttavia, a fronte di milioni di giornate/uomo effettuate, l'assenza di incidenti mortali, in un periodo così lungo, testimonia quanto meno una eccezionale attenzione delle guide ambientali professioniste alla sicurezza dei propri clienti.

Lagap
il presidente nazionale

marco fazion